sabato 28 giugno 2014

Piadina con culatello, stracchino e pomodori sott'olio

Di tempo per fare delle belle foto non ne ho e non ho neanche il tempo per scrivere un super mega post interessante, ma tanto la vera ed unica informazione importante è:

LA PIADINA E' UNA COSA FANTASTICA!

Non ho mai mangiata la piadina originale e confesso che non mi ha mai entusiasmata perché la trovavo secca e insapore. Sarà mica perché compravo quella del supermercato? Per carità immaginavo che non fosse come quella fresca, ma mai avrei pensato che ci potesse essere una differenza così sostanziale.
La piadina fatta a mano è così...morbida, saporita, gustosa: buonissima!!!

Che la riempiate con ingredienti salati o dolci, vi assicuro che non potrà che soddisfare il vostro palato. Anzi, è buona anche da sola. 

E' vero che bisogna pazientare due giorni, ma l'impegno necessario è veramente limitato e vedere le bolle crescere in padella è davvero divertente, quindi calcolate bene i tempi e preparatele.



La ricetta è quella di Tiziana, di cui ho fatto dose doppia:

per la piadina (12 pezzi):

1 kg di farina 00
250 gr di acqua
250 gr di latte
200 gr di strutto
30 gr di lievito per torte salate
20 gr di sale
un pizzico di bicarbonato

per la farcitura:

stracchino
culatello
pomodori secchi sott'olio

Nella planetaria ho unito lo strutto (lasciato a temperatura ambiente per mezzora), la farina, il lievito, il sale e il bicarbonato. Ho quindi aggiunto l'acqua e il latte intiepiditi. Ho lasciato impastare il gancio per circa 15 minuti, quindi ho preso l'impasto e ho finito a mano, fino a che l'impasto non è risultato bello liscio.
Ho messo l'impasto in una ciotola, ho coperto con la pellicola e ho messo il tutto in frigo per 48 ore. 

2 ore prima di cuocere le piadine, ho tirato fuori l'impasto. L'ho diviso in palline da circa 140 gr e le ho stese con il mattarello e infine con le mani per renderle più sottili. Ho scaldato una padella antiaderente a una temperatura media. A quel punto vi ho messo dentro una piadina e ho cotto da entrambe le parti.
Ho messo le piadine pronte su un piatto e ho coperto con uno strofinaccio in modo da mantenerle al caldo.
Ho farcito le piadine con lo stracchino, alcune fette di culatello e alcuni pomodir sott'olio ben scolati. La farcitura non sarà originalissima ma era molto molto buona. 

PS: con la nutella sono fantasmagoriche!!


Grazie ancora a Tiziana e alle mitiche dell'MTC!

Con questa ricetta partecipo (ma va?!) all'MTC di giugno:


1 commento:

  1. Si, ma certo.. confesso e faccio un mea culpa, ma ogni tanto anche io le ho comprate al supermercato, e confermo che la differenza è tanta!!! Ora che hai scoperto che la piada è buona mica potrai più farne a meno.. e confermo pure che con la nutella è qualcosa di spaziale, qui ci fanno i mini crescioni e per i super golosi anche i crescioni grandi!! Tu hai dato un'interpretazione al ripieno che non lascia scampo, decisa, bella saporita e completa, brava!!

    RispondiElimina